Categoria: Blog

Recensione Electro-Harmonix Canyon Delay & Looper

RECENSIONE ELECTRO-HARMONIX CANYON DELAY & LOOPER

ECCO A VOI CANYON, IL NUOVO DELAY & LOOPER FIRMATO ELECTRO-HARMONIX

 

I pedali delay sono diventati un elemento molto importante per il chitarrista moderno e la sua scelta spesso è abbastanza difficile.

Tra i più diffusi sul mercato troviamo il Boss DD-7, il Line 6 Echo Park e il TC Electronic Flashback. EHX non è nuovo a pedali di questo tipo, ricordiamo infatti il Deluxe Memory Man e il suo fratellino Memory Boy. Con questo prodotto prova ad inserirsi in una nuova fascia di mercato con lo scopo di soddisfare tutte le esigenze e il risultato è sorprendente.

In dimensioni compatte il Canyon racchiude un grande potenziale. Dotato di quattro manopole è possibile controllare il volume di uscita dell’effetto (FX LVL), il tempo di ritardo (DELAY), il feedback e la quarta manopola permette di switchare tra dieci diverse modalità di effetto e un looper.

Al centro è posizionato il tasto del Tap / Divide, attivabile anche con un pedale esterno grazie all’apposito ingresso jack.

Questo tasto si rivelerà molto importante per la creazione del vostro suono perchè oltre ad attivare la funzione comune del Tap Tempo permette di miscelare due modalità di modulazione diverse (eccetto per le funzioni Echo e Looper), offrendo un’enorme possibilità di suono.

Nella maggior parte dei delay a pedale la difficoltà maggiore si incontra nell’utilizzo del tap tempo, funzione spesso poco intuitiva da usare.

EHX sembra aver risolto questo problema. E’ sufficiente cliccare il tasto due o più volte e in automatico il Canyon rileva la funzione di tap tempo, una volta sola e il segnale viene ignorato. Tutto molto semplice.

Ogni modalità suona alla grande, ogni timbrica viene riprodotta fedelmente. Pedale altamente versatile permette di raggiungere facilmente qualsiasi suono.

Ecco le 11 funzioni:
1. ECHO: digital delay
2. MOD: modulated delay
3. MULTI: multi-tap delay
4. REVRS: reverse delay
5. DMM: Deluxe Memory Man
6. TAPE: tape delay
7. VERB: reverb plus delay
8. OCT: octave delay
9. SHIM: shimmer
10. S/H: sample and hold
11. LOOP: looper mode (lunghezza massima 62 secondi)

 

 

E’ possibile ordinare il prodotto presso il nostro punto vendita oppure Electro-Harmonix Canyon on Amazon.

 

5 facili canzoni da spiaggia per chitarra

5 FACILI CANZONI DA SUONARE IN SPIAGGIA

Brani semplici da imparare per fare bella figura con la vostra chitarra

Finalmente è estate! Tempo per rilassarsi in spiaggia e strimpellare qualche canzone, possibilmente con dell’ottima compagnia e una buona birra fresca!

Questa che vi proponiamo non è una lista delle migliori canzoni da spiaggia ma è una collezione, proposta dal magazine Guitar World, di brani semplici da suonare e che sicuramente metteranno di buon umore voi e chi vi sta intorno!

“Three Little Birds” – Bob Marley and The Wailers

A
Don’t worry, about a thing

…………D…………………………………A
Cause’ every little thing, gonna be alright

…………..(A)
Singin’ don’t worry, about a thing

…………..D………………………………….A
Cause’ every little thing, gonna be alright

[Verse]

A
Rise up this mornin’

…………………….E
Smile with the rising sun

…………………D……………………A
Three little birds perch by my doorstep

………..(A)
Singin’ sweet songs

………………….E
Of melodies pure and true

…………D……………………..A
Sayin’, this my message to you-oo-oo

Upside Down” – Jack Johnson

[Intro]

E..E..F#m..F#m

[Verse]

E
Who’s to say

E
What’s impossible

F#m
Well they forgot

F#m
This world keeps spinning

……………..E
And with each new day

E …………………F#m…………..F#m
I can feel a change in everything

………………….E ……………………E
And as the surface breaks reflections fade

………………F#m ……………………..F#m
But in some ways they remain the same

……………… E……………………..E
And as my mind begins to spread its wings

…………………F#m
There’s no stopping curiosity

[Chorus]

F#M ………………………… ……..E………….F#m
I want to turn the whole thing upside down

A……..B……………………………E……….. F#m
All finer things they say just can’t be found

A………B………………………..E………. F#m
I’ll share this love I find with everyone

A ………….B ………………………….E……………F#m
We’ll sing and dance to Mother Nature’s songs

A…………………B …………………… E
I don’t want this feeling to go away

Hey Soul Sister” – Train

CAPO AL 4° TASTO

[Verse]

C……….G ……………………Am……………………F
Hey-ay, Hey-ay-AY-ay-ay, Hey-ay-AY-ay-ay

……….C …………………………G ………………….Am ……….F
Your lipstick stains on the front lobe of my left side brains

…………………………..C……………… G………………..Am…………………F……..G
I knew I wouldn’t forget you and so I went and let you blow my mind

………….C……………G …………………… Am…………….. F
Your sweet moonbeam the smell of you in every single dream I dream

………………………….C……………………………………..G………………..Am…….F…….G
I knew when we collided you’re the one I have decided who’s one of my kind

F…………….G …….C………………….G………………..F
Hey soul sister ain’t that mister mister on the radio stereo

………..G…………………….C………..G
The way you move aint fair you know

F…………….G……..C………………G…………………F…………..G
Hey soul sister I don’t want to miss a single thing you do

……….C ……….G………………..Am …………………….F
Tonight Hey-ay, Hey-ay-AY-ay-ay, Hey-ay-AY-ay-ay

“Hey There Delilah” – Plain White T’s

[Verse]

D ……………………………….. F#m
Hey there Delilah, What’s it like in New York City?

……….D………………………………………. F#m
I’m a thousand miles away, But girl tonight you look so pretty,

……..Bm…….G……………………..A……………………..Bm
Yes you do, Time Square can’t shine as bright as you,

………………..A
I swear it’s true.

[Chorus]

D…………………………….Bm…..D………………………..Bm
Oh it’s what you do to me, Oh it’s what you do to me,

D…………………………… Bm….D…………………………Bm
Oh it’s what you do to me, Oh it’s what you do to me,

…………………….D
What you do to me.

“Baker Street” – Gerry Rafferty

[Verse]

A
Winding your way down on Baker Street
Light in your head, and dead on your feet

………….Em………………………..G
Well another crazy day, you drink the night away

……………D
And forget about everything

A
This city desert makes you feel so cold, it’s got
So many people but its got no soul

…………….Em…………………….G
And its taken you so long to find out you were wrong

………………D
When you thought it held everything.

[Chorus]

Dm7 …………………………………Am7
You used to think that it was so easy

Dm7……………………………….Am7
You used to say that it was so easy

………….C ………….G …………..D
But you’re tryin, you’re tryin now

Dm7……………………………….Am7
Another year and then you’d be happy

Dm7………………………………………..Am7
Just one more year and then you’d be happy

……….C……………..G……………..A
But you’re cryin’, you’re cryin now

Siete alla ricerca di altre canzoni da spiaggia?

Leggete l’articolo originale e la lista completa delle 10 canzoni selezionate da Guitar World

Vorreste migliorare la vostra tecnica con la chitarra?

Dopo le meritate vacanze iniziate a frequentare i nostri corsi di chitarra a Mariano Comense. Le iscrizioni sono aperte tutto l’anno e noi vi aspettiamo in negozio anche ad agosto per qualsiasi informazione. Oppure, se fa troppo calco per muoversi, potete chiamarci al numero 031 447 7545, scriverci all’indirizzo info@strumentimusicalikawabonga.com  o utilizzare il modulo di contatti qui sotto.

Compila il form o chiamaci allo 031 447 7545 per ricevere qualsiasi informazione.

Image credit: Musica de fotografie diseñado por Freepik

10 libri per bassisti da non perdere

10 libri per bassisti da non perdere

I testi didattici che ogni bassista dovrebbe avere per lo studio del basso elettrico

La mancanza di librerie dedicate a volumi musicali e quindi l’impossibilità di sfogliarli rende molto difficile la scelta di un metodo giusto per quello di cui abbiamo bisogno, che si tratti di imparare a suonare il basso, imparare nuovi stili o migliorare la propria tecnica.

Spesso quindi mi sono ritrovato nella condizione di dover cercare online qualche suggerimento in più per poter individuare e acquistare il libro che meglio spiegava l’argomento che mi interessava. Così ho deciso di stilare una lista di libri per bassisti sperando che possa essere d’aiuto nella ricerca di altri musicisti come me.

Premetto che questo non vuole essere un articolo con i 10 migliori libri per basso o simili ma semplicemente un articolo in cui mi limiterò a consigliare dei testi che nel corso degli anni sono stati per me molto utili sia come allievo che come insegnante.

I 10 LIBRI PER BASSISTI CHE NESSUN AMANTE DELLE 4 CORDE DOVREBBE PERDERE.

1) Bass Fitness / Josquine des Pres

Ottima palestra per i bassisti. Grazie ai suoi 200 esercizi questo metodo ha l’unico obiettivo di rafforzare la mano sinistra e renderla più agile sulla tastiera. Mi raccomando, tutti a metronomo!

2) Studiare il basso elettrico Vol.1 / Massimo Moriconi

Un metodo completo scritto da uno dei più importanti bassisti e didatti italiani. Il metodo si suddivide in 3 sezioni: Armonia, Tecnica e Lettura. Il libro è supportato da cd.

3) Walkin’ Bass / Attilio Zanchi

Questo metodo è ottimo per chi vuole studiare la tecnica del Walkin Bass e non solo. 5 capitoli che in maniera progressiva ci introducono – con l’analisi di esempi ed esercizi – alla realizzazione di linee di basso personali avendo accordi assegnati. Molto bello il capitolo che tratta gli accordi a 3 e 4 voci che permette di accompagnarci per poi improvvisare le nostre linee.

4) Slap it / Tony Oppenheim

Un must per quanto riguarda lo Slap! Troviamo una prima parte di esercizi dove possiamo prendere confidenza con questa tecnica e una seconda parte di riff funky non sempre facili.

5) Standing in the shadows of Motown

Omaggio all’immenso James Jamerson. Questo libro è una raccolta di trascrizioni di linee di basso che hanno reso celebre lo storico bassista della Motown. I brani sono eseguiti e registrati da bassisti illustri come Mracus Miller, Pino Palladino, John Patitucci, Will Lee e Anthony Jackson. Molto importante non solo per confrontarsi con i difficili giri di Jamerson ma anche per allenare la lettura e migliorare il proprio groove.

6) The Complete Electric Bass Player / Chuck Rainey

Per me questo libro è un classico. Forse perché è stato il libro con cui ho cominciato 25 anni fa a studiare, ma lo trovo molto ben fatto soprattutto perché tratta  gli esercizi in tutte le tonalità abituandoci a leggere anche con diverse alterazioni in chiave.

7) Reading contemporary electric bass / Rich Appleman

Questo libro presenta una raccolta di ottimi esercizi in chiave di Fa con l’obiettivo di sviluppare la lettura ritmica e non solo.

8) The Latin Bass Book / Oscar stagnaro e Chuck Sher

Questo “volumone” è probabilmente uno dei migliori metodi per basso per quanto riguarda la musica latina. Affronta ampiamente tutte le forme di musica latina e caraibica (calypso, reggae, ska…) da quella più tradizionale a quella moderna, arrivando al latin jazz.

9) Enciclopedia della lettura ritmica / Gary Hess

A differenza di “Reading contemprary…” questo libro è per tutti i musicisti. Gli esercizi proposti sono solamente ritmici ed è basato sulle innovative tecniche di counting. Affronta lo studio dei tempi tipici della musica contemporanea (tempo tagliato, ottavi shuffled, tempi composti…).

10) Inside Improvisation Series – Melodic Structures / Jerry Bergonzi

Questo  è il primo di una serie di volumi scritti dal sassofonista Jerry Bergonzi. Questo metodo descrive un semplice ma molto efficace metodo per l’improvvisazione basato sullo studio dei gradi. Molto bello anche perché gli esercizi sono subito ricchi di sequenze di accordi. Libro scritto per tutti gli strumenti.

Con la speranza di aver dato delle dritte utili a qualche amico bassista vi invito a continuare a seguire il blog di Kawabonga per non perdervi le prossime novità e altri suggerimenti per bassisti e chitarristi. Vi è piaciuto l’articolo e vorreste saperne di più? Contattatemi e sarò felice di potervi dare tutte le informazioni che desiderate!

Matt Waver – Insegnante di basso certificato Modern Music Institute

[yasr_overall_rating]

5 regole per improvvisare

Le 5 regole per incominciare ad improvvisare

I NOSTRI CONSIGLI PER IMPROVVISARE E ESEGUIRE IL TUO PRIMO ASSOLO

Spesso gli allievi iscritti ai nostri corsi di chitarra elettrica ci chiedono “vorrei fare un assolo ma non so da dove partire”. Ecco allora le 5 REGOLE FONDAMENTALI per cominciare ad improvvisare con la tua chitarra elettrica.

 

1 . CONOSCERE LA TASTIERA

Per poter improvvisare è indispensabile avere un’ottima conoscenza della tastiera. Uno dei metodi per imparare a conoscere la tastiera della tua chitarra è utilizzare il sistema CAGED. Il sistema CAGED è un sistema che permette di ricostruire accordi e scale in qualsiasi tonalità lungo tutta la tastiera partendo dalle forme di 5 accordi (C-A-G-E-D) in prima posizione.

2 . AD OGNI ACCORDO IL SUO ARPEGGIO

Imparare ad attribuire ad ogni accordo il suo arpeggio è fondamentale per la scelta delle note da suonare e ottenere subito dei buoni risultati. Le note dell’arpeggio saranno quelle che daranno un senso di stabilità ai nostri fraseggi e con un pò di pratica ci daranno la possibilità di poter improvvisare anche su brani “a prima vista”.

3 . CANTA LE NOTE

Molto utile è registrare base con accordi (telefonino, recorder, loop station…) o usare delle backing track facilmente reperibili anche online (youtube) e cominciare ad improvvisare utilizzando le note dell’arpeggio. Provate ad immaginare una piccola melodia sopra una base, cantala e prova a riprodurla con la tua chitarra, oltre ad essere un buon esercizio per allenare l’orecchio ti abituerai a sviluppare e a dare un senso melodico ai fraseggi. 

Qui un link con la sequenza di accordi che vengono riprodotti: 

https://www.youtube.com/watch?v=BLx6fnxQw_k

4 . ASCOLTARE ASCOLTARE E ASCOLTARE …

Ascoltare gli assoli dei chitarristi preferiti (ma non solo chitarristi) e cominciare a ri-suonare dei piccoli fraseggi cercando di capire COSA fa il chitarrista e NON solo dove mette le dita è importante per rendere i nostri arpeggi più melodici e meno meccanici. Questo ci permetterà di sviluppare con il tempo un nostro stile.

5 . Ultima regola: STUDIARE STUDIARE STUDIARE E STUDIARE ANCORA.

Ricordatevi che solo il sacrificio, l’impegno e l’amore per il nostro strumento possono ò aiutarci a trovare le note giuste e far uscire il nostro IO artistico.

Se volete approfondire l’argomento ci sono diversi ottimi testi che ne trattano e che possono aiutarti. Anche noi abbiamo voluto dare il nostro contributo scrivendo una pratica guida che ha l’obiettivo di aiutare i chitarristi ad imparare le forme degli arpeggi e come iniziare ad utilizzarli in un contesto “pratico”. Il libro si intitola “Memorizzare e imparare ad utilizzare gli arpeggi maggiori e minori: Sistema CAGED” ed è disponibile sia in formato Kindle che cartaceo su Amazon. Nel video qui sotto vi diamo un’anteprima delle tecniche illustrate nel libro.

novità namm 2017

NAMM 2017 – LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI

NAMM 2017 – Anaheim, California

Anche quest’anno si chiude il primo appuntamento (forse il principale) con il NAMM, una delle maggiori fiere dedicate ai prodotti musicali al mondo.

Oltre ai numerosissimi eventi live e la possibilità di incontrare il proprio artista preferito nei “booth” che compongono la fiera il NAMM è l’occasione per vedere la presentazione dei nuovi prodotti che popoleranno i negozi e gli shop online di strumenti musicali nei prossimi mesi.

Le novità per i chitarristi

NAMM 2017 ha riservato tante novità per gli appassionati della sei corde. Fender presenta la nuova serie American Professional che sostituirà la storica American Standard, Gibson annuncia la vendita di strumenti economici a partire dai 400$.

In casa Ibanez invece è l’anno degli anniversari e bisogna dire che vengono festeggiati alla grande con una nuova archtop, la GB40TH dedicata a George Benson, e con il ritorno della prima chitarra dedicata al virtuoso e visionario Steve Vai, la Jem777 per festeggiare i 30 anni di collaborazione con il marchio giapponese.

E per i bassisti?

Anche per i bassisti numerosissime le novità presentate in occasione del NAMM 2017, come la nuova serie Ibanez Aerium. Mark Bass invece presenta il nuovo Micheal League signature e annuncia l’ingresso di Marcus Miller nella famiglia Mark Bass.

Altre signature da segnalare per i bassisti sono il Sadowsky Verdine White (Earth Wind and Fire), David Ellefson (Megadeth) Jackson bass, Andrew Gouche (Prince, Chaka Kan ) MTD.

NAMM è una delle maggiori fiere dedicate ai prodotti musicali al mondo
NAMM è una delle maggiori fiere dedicate ai prodotti musicali al mondo

Effetti e pedaliere

Per quanto riguarda gli effetti ci si può perdere tra i nuovi prodotti, dalle nuove pedaliere Zoom agli effetti boutique Catalinbread, Walrus, JHS, Eartquaker Device, ecc…

Insomma anche quest’anno il Namm ha riservato qualche bella sorpresa per gli appassionati di strumenti musicali. Ora non ci resta che aspettare ad Aprile l’arrivo del MusikMesse a Francoforte.

Nel frattempo continuate a seguirci per rimanere aggiornati sulle novità più interessanti del settore.

lezione di basso con billy sheehan

A LEZIONE DI BASSO CON BILLY SHEEHAN

Domenica 13 Novembre ospite del Legend Club di Milano, il grande Billy Sheehan (Talas, Mr. Big, The Winery Dogs…) ha tenuto un interessante seminario sul basso elettrico organizzato dalle sedi di Milano, Como e Novara del Modern Music Institute. Vi raccontiamo la nostra lezione di basso con questa leggenda!

Il nostro racconto della giornata

Bassista noto ai più per l’uso del tapping, ha subito messo in mostra le sue grandi doti tecniche presentandosi al pubblico con una lunga improvvisazione

Da subito ha mostrato grande disponibilità nei confronti dei suoi fan lasciando ampio spazio alle domande.

Si sono toccati così sia gli aspetti più tecnici del basso elettrico come l’importanza dell’accompagnamento e l’uso degli accordi per sostenere il brano, l’uso della mano destra con la tecnica delle tre dita e gli armonici, sia gli aspetti legati al suono come l’uso del compressore e la gestione di alcune situazioni live.

Grazie alla sua enorme esperienza ha raccontato diversi simpatici aneddoti riguardanti lo sviluppo della sua tecnica e del suo suono e la nascita dell’ in-ear monitor.

Dopo poco più di un’ora il seminario si è chiuso con una sessione di jam con Giorgio Terenziani, responsabile sezione basso MMI, seguita da foto e autografi con tutti i presenti.

Prossimi eventi

Continua a seguirci sul nostro sito e sui nostri canali social per rimanere aggiornato e non perderti i prossimi eventi organizzati da Modern Music Instituite e dedicati a tutti i musicisti. Se invece stai cercando lezioni di basso personalizzate vieni a trovarci in negozio o  scrivici!

Rock on!

 

lezione con billy sheehan

 

 

differenze legno tastiera

Di che legno sei?

Le differenze tra i vari legni delle tastiera

Che differenza c’è tra una tastiera in acero e una in palissandro? Corpo in ontano o tiglio? Ecco a voi le principali caratteristiche dei legni e come possono influenzare il vostro suono.

MOGANO

Si tratta di un legno relativamente pesante.
Enfatizza le frequenze basse dando un suono “caldo” e un lungo sustain sulle frequenze basse.

ACERO

Legno piuttosto compatto e pesante.
Timbro chiaro e brillante.
Ottimo sustain
Presenta caratteristiche estetiche che valorizzano lo strumento.

PALISSANDRO

Legno pesante e compatto, utilizzato soprattutto per la costruzione di tastiere per la sua durezza che lo rende quasi indeformabile.
Garantisce una buona bilanciatura di frequenze con una leggera enfasi verso le frequenze medio alte. Buon sustain.

EBANO

Legno pregiato praticamente privo di venature si presenta nero e compatto.
La sua compattezza lo rende resistentissimo ai graffi e influisce il suono enfatizzando le frequenze alte.
ll suono sarà caratterizzato da un attacco compresso della nota, caratterizzato da acuti leggermente più alti rispetto all’acero ma con un volume inferiore.

TIGLIO

Legno leggero e soffice.
Offre una sonorità armonicamente ricca bilanciando bene le frequenze medio-basse.

ONTANO

Legno molto leggero viene impiegato per la realizzazione di corpi.
Offre un suono molto bilanciato ma che tende ad enfatizzare le frequenze medie.

FRASSINO

Molto pesante e robusto.
Suono ricco di frequenza basse con un ottimo rapporto tra brillantezza e calore senza perdere una certa enfasi sulle frequenze medie.

The Cubicle, lo spring reverb per la tua pedalboard

dr-green-logo

The Cubicle, prodotto da Dr. Green by Hayden è un pedale dall’aspetto solido che riproduce lo spring reverb noto agli amanti dei suoni legati al marchio Fender.
Rispetto a molti stompbox in circolazione il Cubicle presenta due controlli di segnali per miscelare a piacimento il segnale riverberato (wet) al segnale pulito della chitarra (dry).
Grazie a questi controlli potrai ottenere tutte le sfumature timbriche per ottenere l’effetto che preferisci.

 

Benvenuti a Kawabonga Strumenti Musicali

Finalmente online il nuovo sito Kawabonga Strumenti Musicali con sezione blog, servizi, lezioni e ovviamente la sezione shop dove potete trovare tutti i prodotti presenti presso il nostro punto vendita con tutte le informazioni necessarie per soddisfare i vostri acquisti.

Il blog sarà aggiornato con le novità del settore, demo strumenti, eventi etc.

Il nuovo sito mira a diventare un punto di riferimento per tutti i chitarristi e bassisti, lasciate una recensione sui prodotti in modo da poter aiutare altri utenti alla scelta dello strumento.

 

Per qualsiasi info, o se rilevate malfunzionamenti nel sito, non esitate a segnalarlo ai nostri contatti.